Riviera di Ponente - CasaVacanzeAlbenga

Buona Pasqua da Albenga
Vai ai contenuti

Menu principale:

Riviera di Ponente

Albenga e Ponente
La Riviera di PONENTE

La Riviera di Ponente
si estende dal confine con la Costa Azzurra sino a Cogoleto per circa 150 km.
Nell'entroterra le montagna raggiungono altezze maggiori rispetto alla Riviera di Levante, ma solo in pochi punti si gettano a picco sul mare, anzi, presso le foci dei fiumi i rilievi lasciano il posto a qualche pianura alluvionale.
Floricoltura e agricoltura hanno no spazio maggiore rispetto alla costa orientale e il territorio è anche più densamente popolato e urbanizzato.
Tra Ventimiglia e Capo Mele, presso Laigueglia, le spiagge sono generalmente di ciottoli, mentre se si procede verso est prevale una sabbia fine. Da sempre le sue spiagge sono meta di turismo e tra le più rinomate e premiate in Europa.
La Riviera di Ponente è a sua volta suddivisa in Riviera dei Fiori, da Ventimiglia a Cervo, e in Riviera delle Palme, da Andora a Varazze. Numerosi i borghi medievali ancora perfettamente intatti, immersi in una natura incontaminata. La maggiore città è Savona. Centro ricco di storia e di cultura, ha dato i natali a due Papi, ma anche di turismo con le sue spiagge che si allungano per quattro chilometri. Savona è anche uno dei principali scali crocieristici del Mediterraneo.

Riviera dei Fiori
Ventimiglia, Bordighera, Sanremo, Ospedaletti, Taggia, Santo Stefano al Mare, Diano Marina, San Bartolomeo al Mare, Cervo, Imperia

Riviera delle Palme
Andora, Laigueglia, Alassio, Albenga, Ceriale, Borghetto Santo Spirito, Loano, Pietra Ligure, Finale Ligure, Noli, Spotorno, Bergeggi, Albissola Marina, Albisola Superiore, Celle Ligure, Varazze

I borghi medioevali imperdibili dell'entroterra
Cipressa, Seborga, Dolceacqua, Apricale, Pigna, Triora, la Val Roia, Badalucco, la Valle di Dolcedo, Valle di Caramagna, la Valle dell'Arroscia, Castelbianco, Castelvecchio di Rocca Barbena, Toirano, Zuccarello, Calizzano, la Val Bormida, Stella, Sassello, Balestrino, Villanova d'Albenga, Borgio Verezzi 
Torna ai contenuti | Torna al menu